La nostra offerta per l'ossigenoterapia

VitalAire è in grado di attuare un piano personalizzato di assistenza e rifornimento secondo le diverse esigenze

Servizio di ossigenoterapia domiciliare

Considerate le particolari e spesso differenziate esigenze dei pazienti in ossigenoterapia e grazie alla sua ventennale esperienza, VitalAire è in grado di fornire un servizio di ossigenoterapia domiciliare attuando un piano personalizzato di assistenza e rifornimento secondo le diverse esigenze, finalizzando l'organizzazione al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • Attuazione del programma di ossigenoterapia secondo la prescrizione medica, direttamente al domicilio
  • Fornitura, consegna e installazione dei contenitori e relativi accessori presso il domicilio dell’assistito
  • Fornitura e consegna di tutto il materiale consumabile e degli accessori necessari al funzionamento dei contenitori presso il domicilio dell’assistito
  • Formazione sul corretto uso delle apparecchiature all’assistito e al caregiver
  • Estensione della fornitura a tutto il territorio nazionale in caso di spostamento temporaneo degli utenti dall’abituale residenza (consulta la nostra pagina Viaggiare con l'ossigeno)
  • Adattamento, in tempo reale, alle eventuali variazioni del programma terapeutico
  • Garanzia di continuità della terapia secondo i tempi e le modalità previste per la salvaguardia della salute del paziente
  • Disponibilità di un numero verde attivo H24* 
  • Assistenza tecnica (ordinaria e straordinaria)

*numero destinato all’assistenza tecnica al prodotto

Come si somministra l'ossigeno?

La somministrazione può avvenire con diverse modalità. 

Contenitori di ossigeno liquido

L’ossigenoterapia domiciliare a lungo termine può essere effettuata mediante ossigeno liquido.

I contenitori per l'ossigeno liquido sono di 2 tipi: 

  1. un contenitore stazionario denominato “unità base” che consente l’erogazione di ossigeno allo stato gassoso a temperatura ambiente ai pazienti che necessitano della terapia farmacologica e permette il riempimento dell’unità portatile. Questo dà la possibilità di conservare grandi quantità in volumi relativamente contenuti (1 litro di ossigeno liquido corrisponde a circa 870 litri di ossigeno gassoso)  permettendo così una grande autonomia al paziente;
  2. l’unità portatile facilmente trasportabile a spalla o su un apposito carrellino e che permette al paziente di muoversi liberamente durante la terapia.

Concentratori di ossigeno

Il concentratore è un’apparecchiatura elettromedicale che è in grado di produrre ossigeno a partire dall'ambiente circostante. Questo strumento, alimentato dalla corrente elettrica, permette di svolgere la terapia senza problemi di rifornimento. 

Esistono tre tipologie di concentratori di ossigeno:

  1. stazionario: funziona alimentato a corrente elettrica ed eroga un flusso continuo;
  2. trasportabile: dotato di un carrello, può funzionare sia a corrente che a batteria ed eroga sia in modalità continua che pulsata (erogazione sincronizzata con la respirazione del paziente);
  3. portatile: funziona unicamente a batterie, facilmente trasportabile a spalla o su un apposito carrellino, eroga solo in modalità pulsata.

Bombole di ossigeno gassoso

Nelle bombole di ossigeno gassoso, l’ossigeno viene compresso ad una pressione elevata (200 bar). 

Le bombole di ossigeno gassoso vengono generalmente utilizzate dai pazienti che necessitano di un trattamento domiciliare a breve termine oppure come fonte di soccorso in supplemento al concentratore di ossigeno

Accessori per la somministrazione

Sono disponibili in commercio diversi accessori (dispositivi medici) per la somministrazione dell’ossigeno.

  1. Le cannule nasali: rappresentano il sistema attualmente più diffuso e meglio tollerato dai pazienti e richiede una breve formazione sul corretto utilizzo 
  2. Le maschere oronasali: generalmente utilizzate quando al paziente è necessaria una percentuale maggiore di ossigeno, che viene miscelata con l’aria durante l’atto respiratorio

Esistono anche altre tipologie di accessori, come maschere ad alta concentrazione, cannule tracheostomiche, etc., in base a specifiche esigenze per lo svolgimento dell’ossigenoterapia.